La Ratatuille alla provenzale di Remì

Aspetto il momento giusto per postare questa ricetta da quando ho aperto il mio blog. Perchè questa è LA ricetta di Remì che, come sapete, mi da dato la forza ed il coraggio per iniziare questa avventura.

E così, il recente viaggio tra Provenza e Costa Azzurra non poteva che riportarmi ad assaggiare LEI, la Ratatuille. Altro piatto di una semplicità disarmante ma che può diventare un insieme perfetto di aromi e sapori se cucinato correttamente.
E per cucinarlo bene non c’è una sola ricetta, perchè questo è il classico piatto di cui ciascuno ha la sua versione segreta, tramandata dalla nonna e dalla mamma, fatta con una verdura speciale che cresce in un luogo e non in un’altro, e così via.

Per la mia ricetta, sono andata a ricercare in rete quella più fedele possibile al mio amato lungometraggio animato della Disney. Questa è la ricetta del topolino Remì con cui il temuto critico Ego si scioglie come neve al sole al primo assaggio, quando quei sapori del piatto gli riportano alla mente la ratatuille che gli cucinava la sua mamma.  Quando un boccone apre quel cassetto della memoria chiuso per tanto tempo, il miracolo è fatto!

La ricetta di Remì, che ho trovato sul blog di Singid, è tra l’atro molto vicina ad un piatto tipico provenzale, la Tian. Non è una ricetta complicata ma richiede tempo e pazienza nel procedimento: tempo per trovare le vedure giuste perchè dovrebbero essere tutte della stessa dimensione, e tempo di cottura perchè cuoce molto lentamente in forno. Ecco come si prepara:

Per la salsa di fondo:
mezzo peperone giallo e mezzo peperone rosso
3 pomodori maturi
2 cipolle bianche
2 cucchiaini di mix di erbe provenzali

Per le verdure
1 melanzana
1 zucchina
3 pomodori

Per la salsa di condimento
1 cucchiaio della salsa di base
2 cucchiai di olio d’oliva
1 cucchiaino di aceto balsamico

Si inizia preparando la salsa di fondo: pulire i peperoni e sistemarli sulla teglia da forno rivestita con carta da forno (con la parte tagliata verso il basso) ed infornarli a 230° per 15-20 minuti o finché la pelle si staccherà. Spellare i pomodori e tritarli a dadini piccolissimi. Tritare finemente la cipolla e soffrigerla dolcemente in padella con due cucchiai di olio d’oliva; aggiungere poi i pomodori e la loro acqua e le spezie provenzali e lasciar cuocere per 10 minuti, sempre a fuoco basso, regolando di sale e di pepe. Aggiungere poi i peperoni nella padella, e lasciar andare per altri dieci minuti finché la salsa è addensata. Tenere da parte un cucchiaio di salsa per dopo e versare tutto il resto nel fondo di una pirofila da forno (meglio se di coccio).

Passiamo poi a lavare le verdure ed affettarle a fettine reglari di 2mm circa. Procedere disponendo le fettine sopra la salsa, a spirale, lasciando metà della superficie libera. Coprire infine le verdure con una spolverata di erbe provenzali, chiudere la teglia con un foglio di carta argentata e infornare a 130° per 2 ore. Prima di togliere dal forno, rimuovere la stagnola e passare velocemente al grill per pochi minuti. Prima di servire, condire con una salsa ottenuta emulsionando quella messa precedentemente da parte con l’aggiunta l’olio e l’aceto.

Si può servire come antipastino tiepido a forma di torretta, sarà sicuramente di’impatto. Oppure, per una versione più semplice, portate direttamente la pirofila in tavola: la spirale di verdure è comunque carina da vedere e poi ciascuno di metter la sua porzione del piatto, aggiungendo un pò di salsa sopra.

Con questa ricetta partecipo al contest “Io amo le Verdure
del blog FiordiRosmarino

ed al contest “Red Passion
del blog My Taste for Food

About these ads

  1. Ciao cara
    Ci sarai questa sera, vero? Enoteca Veneta, Conegliano, ore 20.00 Gran Finale del Contest. L’abbinamento perfetto.
    Mi piacerebbe foste tutti presenti per ringraziarvi e condividere insieme una piacevole serata all’ insegna del gusto.
    Fammi sapere quanto prima, via e-mail se sarai dei nostri e se verrai accompagnata.
    Un bacio
    Angela

  2. E’ sempre buonissima la ratatouille…secondo me in quel piatto la mamma di Anton Ego ci aveva messo qualche erba profumata che noi non conosciamo…il segreto di ogni mamma in cucina;)
    grazie!
    buon we

  3. Pingback: Diario di viaggio: 4 giorni tra Provenza e Costa Azzurra | trippando

  4. Pingback: RATATUILLE ALLA PROVENZALE | chez moi à bordeaux

  5. Pingback: Diario di viaggio: 4 giorni tra Provenza e Costa Azzurra | Trippando

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...