CakePops al panettone

Se anche voi siete “quelli che” il panettone arriva molto spesso a salutare la colomba, sarete felici di trovare qualche utile suggerimento per come “riciclare” il panettone avanzato.
Per il mio secondo post della #tombolatadellavvendo, ho pensato di condividere qualche idea per preparare qualcosa di buono, di natalizio e anche di utile! Volendo mettere a frutto i preziosi consigli delle amiche di Dolcelab, mi sono cimentata nel preparare dei Cakepops, partendo proprio dall’impasto del panettone, anzichè dalla classica torta stile pan di spagna.
Cakepops al panettore
Sicuramente i cakepops sono un’invenzione azzeccatissima per vestire in modo divertente e lezioso gli avanzi di una torta. Si preparano con estrema facilità, c’è solo bisogno di un pò di tempo e di pazienza per decorarli in modo perfetto, ma poi il risultato è garantito. Saranno sicuramente apprezzati sia dai grandi che dai piccini. Sono perfetti per le ricorrenze: una laurea, magari decorati con glassa rossa, un battesimo, con i colori tenui dei bebè, oppure bianchi per un matrimonio. Ma anche per un semplice compleanno, e soprattutto per Natale.
Li trovo anche molto adatti come pre-dessert per una cena, soprattutto per quella del 31 Dicembre, dove il dolce principale si può tranquillamente servire dopo la mezzanotte.
Cakepops Panettone
In questo caso, ho utilizzato come base per l’impasto del panettone, insieme a del cioccolato fuso, ma nulla toglie che si possano fare a gusti diversi, ad esempio, con il pandoro insieme con cioccolato bianco e gocce di cioccolato nero.
Si preparano così (dosi per ottenere circa 12 palline):
300 gr. di pandoro
30 gr. di cioccolato fondente fuso
100 gr. di cioccolato al latte
un pò di panna liquida
codette da decorazione (io ho usato le stelline Molino Rossetto)
stecchini per cakepops (anche quelli li potete trovare nello shop di Molino Rossetto)

Iniziate tagliando il panettone a pezzettini molto piccoli (io l’ho fatto con il coltello, ma per far prima potete anche inserirlo in un tritatutto), unite poi il cioccolato fuso e iniziare ad impastare con le mani fino a che non otterrete una sorta di impasto omogeneo. Preparate quindi le palline, prendendo circa un cucchiaino da caffè di impasto e lavorandolo a mano. Posatele su un piatto e riponetele in frigo almeno per un’oretta. Nel frattempo, sciogliete il cioccolato che avrete scelto per la decorazione: io ho scelto un cioccolato al latte, che ho poi allungato con un goccio di panna perchè rimaneva troppo solido (ma molto dipende dalla qualità del cioccolato, quindi dovrete prenderci un pò la mano); potete anche optare per un cioccolato bianco, da colorare eventualmente con coloranti liposolubili.
Iniziate facendo le “seggette” per i cakepops: immergete gli stecchini nel cioccolato per qualche centimetro e inserite delicatamente le palline. Vedrete che il cioccolato andrà a formare una sorta di cerchio alla base della pallina e quello, una volta che sarà indurito, servirà a tenere ferma la pallina stessa. Disponetele quindi a testa in giù a riposare e lasciatele finchè il cioccolato non sarà indurito.
A questo punto, le potete tuffare nel cioccolato: vi conviene usare un recipiente alto e stretto, come i bicchieri in dotazione con i frullatori ad immersione. Infilate direttamente le palline fino a raggiungere la “seggetta” fatta prima, poi lasciatele sgrondare bene facendo anche dei delicati movimenti laterali per togliere tutto il cioccolato in eccesso.
Via via che saranno pronti, potete mettere i cakepops direttamente nel contenitore con cui li servirete: una base in polistirolo, oppure, come me, un barattolo in vetro riempito di riso. Proseguite a glassare tutte le palline, perchè le codette per decorazione andranno messe solo quando il cioccolato inizia a rapprendersi: è un momento delicato perchè non dovrà essere troppo liquido se no cadranno verso il basso, ma nemmeno troppo solido, altrimenti non attaccheranno…l’esperienza insegna!
Quando avrete finito, potete passarle ancora una mezz’oretta in frigo per seccare bene.
cakepops in vasetto
Vedrete che renderanno tutti felici…anche voi che non vi ritroverete il panettone tra i piedi per i mesi successivi al Natale!!!

  1. Pingback: Let's the Advent Bingo begin! » At Home in Tuscany

    • Scusami Lallabel…il tuo commento mi era finito nello spam e non mi ero accorta!!
      Eh si, il trucco delle seggette è uno di quei consigli che Sara ha condiviso con noi durante il corso…si vede quando l’insegnante ha una marcia in più ;-)))

  2. Pingback: Idee per il pranzo befana: panettone forever! | forchettinagiramondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...