Riso rosso con gamberetti e zenzero

Sarà per i postumi del viaggio in Cina, ma da quanto sono tornata mi sono ritrovata a cucinare già tre volte delle ricette orientali a base di riso. Ho provato a fare vari abbinamenti ed alla fine quello che mi è piaciuto di più è questo, un riso rosso selvaggio con gamberetti e zenzero. Il bello delle ricette orientali è che puoi giocare con le spezie, provare infinite combinazioni di sapori che non saranno mai banali e che ti ricorderanno sempre un luogo lontano, una spiaggia della Tailandia, una strada affollata di Hong Kong, un mercato indiano…
Ultimamente ho iniziato ad apprezzare molto lo zenzero, incontrato per la prima volta per caso quando ho abitato a Londra e che inizialmente non riuscivo proprio a soffrire. Oggi invece adoro il suo gusto fresco e frizzante, che da ai cibi una forza incredibile. E poi fa molto bene, specialmente quello fresco che per fortuna si trova ormai ovunque. Tengo sempre una scorta anche di quello in polvere così da averlo a portata di mano se decido di usarlo all’ultimo e non è disponibile in casa. Così, alla fine, la combinazione di riso rosso, gamberi e zenzero mi è piaciuta molto e terrò buona la ricetta per qualche occasione speciale.
riso gamebretti e zenzero
Questo è il classico piatto che oltre che essere molto buono, fa anche molto bene: unisce alle proprietà del riso selvaggio (o integrale), quelle del pesce e dello zenzero. Calorie sotto controllo e nutrienti utili per mantenersi in salute…e pure veloce da prepararsi!
Si cucina così (per 4 persone):
250gr. di riso rosso o integrale
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 aglio
2 cucchiai di olio extravergine
200 gr. di gamberetti sgusciati
zenzero fresco
riso rosso con gamberetti e zenzero
Per prima cosa cuocete il riso: sia che usiate quello selvaggio rosso che quello integrale, fatelo bolline in abbondante acqua salata per il tempo indicato nella confezione. Dopo di che, scolatelo e lasciatelo da parte. Mettete quindi nel wok l’olio extravergine e fate rosolare a fuoco vivo l’aglio e i semi di sesamo. Quando saranno tostati, aggiungete i gamberetti e fateli saltare velocemente. Regolate con poco sale e grattugiate lo zenzero fresco (oppure, se usate quello in polvere, aggiungetelo ora). Unite il riso e fate saltare ancora per un attimo prima di servire (attenzione a non fare stra-cuocere i gamberetti se no perderanno la loro morbidezza).
riso orientale gamberi e zenzero

Con questa ricetta partecipo al contest “Colesterolo cattivo? No, Grazie”
promosso dall’AOU Federico II e l’Associazione Italiana Food Blogger
Banner-350x262-18-Giugno-2014_DEFINITIVI-CON-TESTO-327x262

Thai food: blogger dinner al ristorante Tao

Quando ricevo un invito per un evento tra blogger in città sono sempre molto felice. Perchè sono serate molto divertenti, stimolanti, dove conosci sempre qualcuno di nuovo e soprattutto dove tutti ti capiscono se fotografi, twitti o insatgrammi mentre stai cenando o mentre stai parlando! Così, la scorsa settimana, ho accolto con grande entusiasmo l’invito a cena al nuovo ristorante Tao.
Tao florenceTao Firenze thaifood
L’evento aveva tutte le premesse per riuscire bene. Anzitutto, perchè organizzato da Kristina Yelp, la super-CM di Yelp Firenze (nonchè una delle migliori di PR al momento attive in città). Inoltre, perchè la cucina thai sarebbe stata protagonista della serata, cucina che io adoro e che da tempo non avevo modo di provare. Infine, perchè a farmi compagnia ci sarebbero state le blogger made in USA Georgette e Tiana, e le fiorentine Michela e Simona.
Veniamo al locale: molto carino, arredato in stile fusion con molti dettagli non lasciati al caso, come ad esempio l’apparecchiatura, ben allestita e curata.
Tao Firenze sala
Veniamo accolti nel salotto bar, concetto molto americano di locale, dove in attesa del tavolo libero si fanno due chiacchiere sorseggiando un drink. Ottimi i cocktail di Sabrina, non banali e belli da vedere, come il mojito allo zenzero o il gin tonic alla melagrana.
Tao firenze
Dopo due geek-chiacchere, passiamo alla cena, tutta fusion. Iniziamo con dei crispy ravioli di branzino e salsa agrodolce (ottimi), poi una serie di antipasti uno più buono dell’altro, per arrivare infine ai piatti principali e tipicamente thai. Crispy rolls
Jasmine Rice con gamberi, i Pat Thai ed il Green Curry. Tutto veramente ottimo. Purtroppo le foto non rendono giustizia, ma l’ambiente d’atmosfera con le candele, giustamente con poca luce, non era il migliore per scattare.
PatThai
Era dai tempi del viaggio in Tailandia nel 2009 che non mangiavo una buona cucina thai, un buon modo per viaggiare con la mente ripensando a quelle meravigliose spiagge…

Tao
Asian Bistrot & Lounge Bar a Firenze
Corso Italia 35
tel.055288771

Pat-Thai ai gamberi piccanti di Krabi

Quando Leda e Claudia, le ragazze di About Food, hanno lanciato i temi per il numero estivo della rivista, non ho resistito ed ho subito iniziato a pensare a quali ricette potevo proporre. Il primo tema sono i gamberi e la mia mente è volata veloce in Tailandia, verso quei fantastici noodles di riso e gamberi che racchiudevano una combinazione perfetta tra gli aromi speziati del curry e della salsa di pesce e la freschezza delle erbe e del ginger.

Vi avevo già parlato della cucina Thai nel post su Phi-Phi Island, e ci ritornerò ancora perchè probabilmente questo è uno dei paesi in cui ho mangiato meglio in assoluto (insieme al Messico): ho una grande nostalgia di quei sapori autentici che, per quanto si possa tentare di replicare, non saranno mai così perfetti. Un po’ perchè è del tutto normale che la bontà di alcuni ingredienti sia legata ad una zona geografica precisa, ma soprattutto perchè quando si è in vacanza anche un piatto semplicissimo mangiato per strada acquista un valore unico legato all’esperienza che si sta vivendo.

Così gli spaghettini di riso ai gamberi piccanti mi sono rimasti nel cuore perchè erano la mia cena preferita alla GuestHouse di Krabi dove abbiamo fatto base per la vacanza. Dopo una giornata sotto il sole, dopo aver girato in lungo e largo per spiagge, preso autobus e barchette che sembravano gusci di noce, sapere di poter contare su un piatto caldo e ricco di sapori come quello, era più che una sicurezza. La cuoca riusciva a combinare perfettamente il lato piccante del curry con quello saporito della salsa di pesce e la freschezza del ginger e della lemon grass. Il tutto accompagnato da grossi e carnosi gamberi, dolci e delicati, e da una spolverata di coriandolo fresco a completare il tutto. Un capolavoro di gusto e bontà.

Cucinarli a casa non è difficile di per sé, quello che è invece molto difficile è replicare la combinazione perfetta di aromi e sapori. Diciamo che la mia versione ci va abbastanza vicino…ma tornerei volentieri in Tailandia per ritrovare quel sapore autentico! I più esperti della cucina Thai diranno che la ricetta non è corretta, ed in parte hanno ragione: per pat-thai si intende un piatto (quasi nazionale per popolarità e diffusione) che, è si un noodle con gamberi, ma anche con germogli si soya, arachidi e uova. La mia versione è più simile al piatto che chiamano pad thai gung…ma per me sono solo i Pat-thai di Krabi!!

Si preparano così per (per 2 persone):
4 nidi di noodles di riso (si trovano nel reparto etnico dei supermercati ma se conoscete qualche negozietto di specialità dal mondo, probabilmente troverete una qualità migliore ed una scelta più ampia)
10 code di gambero (se piccole, aumentate la dose)
4 cucchiai salsa tailandese di pesce
un cucchiaino ginger fresco (o, in alternativa, va bene anche quello in polvere)
½ cipolla bianca
un cucchiaino di coriandolo fresco (o prezzemolo) ed uno di lemon grass
due cucchiaini curry (o curcuma per una versione meno piccante)
un cucchiaio di olio evo
sale, pepe


Mettere a cuocere i noodles in acqua salata. Far imbiondire la mezza cipolla affettata finemente in un wook, con un cucchiaio di olio evo; quando sarà trasparente, buttare le code dei gamberi, farle saltare a fuoco vivo e sfumarle subito con la salsa di pesce tailandese. Aggiungere il ginger fresco grattugiato (oppure secco), il curry e far cuocere per pochi minuti. Dovrà rimanere un sughetto di fondo; se vedete che si asciuga troppo, allungare con un cucchiaio di brodo vegetale o di pesce. Spegnere il fuoco ed aggiungere il coriandolo e la lemon grass affettate finemente. Attendete che gli spaghetti siano pronti, poi scolateli e uniteli nella padella con il pesce. Amalgamare bene e godetevi l’aroma che sale dalla padella prima di impiattare.

I miei preferiti a Krabi

Thip Residence Boutique Hotel, 222/2 Moo5 Saithai-Susanhoi Rd., Muang, Krabi 81000 Thailand: quando siamo stati qui, nel 201o Ju e Pitak avevano aperto non da molto ma già le recenzioni in rete di questa GuestHouse erano eccellenti. Ha una location perfetta: collegata da piccoli autobus che fanno la spola tra l’affollata Krabi e la turistica spiaggia di AoNang, è perfetta come base per le escursioni alla meravigliosa Raylai, che si raggiunge con le piccole lance dal porto poco distante. La cucina è fantastica, si possono gistare autentici piatti thai per pochissimi Baht.

Mercato Serale (vicino al molo delle lance per Raylai): la sera la strada antistante l’hotel si popola di baracchini e di luci che danno vita ad un autentico ristorante di strada. Ottimo cibo locale: insalate di papaya, noodles fritti e zuppe di pesce. Prezzi popolarissimi e buona qualità se non badate troppo all’igiene, altrimenti non fa per voi!

Tanta, Ao Nang Bay: in fondo alla strada principale di accesso di questo turistico villaggio intorno alla spiaggia, a pochi kilomentri da Krabi, si trova questo ristorante che, oltre ad un’ottima cucina locale, serve anche piatti internazionali, tra cui una pizza. Se vi venisse nostalgia dei sapori di casa! Noi, ci abbiamo fatto la cena del 31 Dic 2009, ottimo compromesso tra la mia preferenza di piatti local e la ricerca di Ms.Ego di una steack&chips.

Con questa ricetta partecipo al contest “Crostacei e Molluschi
di AboutFood Magazine