Pancake di avena al Parmigiano per #PRChef2015 #4Cooking

La domenica mattina è tradizione nei paesi anglosassoni preparare i pancake per colazione, o meglio, per il brunch. Sono una vera e propria istituzione made in USA, un piatto nazionale che si trova veramente ovunque. Dolci o salati, in base ai diversi condimenti, accomunano tutti i gusti. Io li preferisco nelle versioni salate, con salmone e cheese cream, ad esempio, ma anche con bacon e formaggio. Oggi ho provato a fare una versione con farina di avena e Parmigiano Reggiano 12 mesi, accompagnati da una pallina di gelato buontalenti e riduzione di balsamico come topping.
Pancakes Parmigiano Reggiano e Buontalenti
Anche per questa ricetta per la sfida #PRChef2015, solo 4 ingredienti di base: uova, farina, latte e parmigiano. Come accompagnamento, il gelato al Buontalenti e la riduzione di aceto balsamico.
Pancake parmigiano #PRChef2015
La preparazione dei pancakes è molto semplice. Occorrono:
1 uovo
100 gr. di farina (io ho usato quella di avena)
40gr. di Parmigiano Reggiano 12 mesi
un cucchiaino di lievito
250 gr. di latticello (in alternativa, potete usare il latte)
Con queste dosi si ottengono circa 10/12 pancakes. Per la decorazione, invece occorrono: del gelato al Buontalenti (ovvero, una crema a base di panna, unica ed inimitabile, realizzata ancora oggi artigianalmente dal maestro gelatiere Paolo Pomposi della Gelateria Badiani a Firenze); e una riduzione di aceto balsamico, in alternativa, vanno bene anche le salse al balsamico, purché siano di buona qualità.
Pancakes Parmigiano Buontalenti e Balsamico
Sbattere l’uovo con il latticello; a parte mescolare la farina con il lievito e il formaggio. Unire quindi i due composti, amalgamare bene e lasciare riposare per qualche minuto.
Scaldare una padella larga o una piastra piatta e versare un cucchiaio abbondante di composto. Tenderà a prendere una forma circolare, distribuitelo con delicatezza in modo che siano tra di loro uguali.
Cuocete prima da una parte, poi dall’altra e raccogliete i pancake in un piatto. Quando saranno tutti pronti, formate i piatti con 3 o 4 pancake ciascuno; disponeteci sopra qualche pallina di gelato Buontalenti e guarnite con una riduzione di aceto balsamico (oppure, in alternativa, una glassa di balsamico di ottima qualità).
Perfetti per la colazione dolce&salata la domenica mattina!
Parmigiano Reggiano Pancakes

Annunci

Brunch norvegese

Siamo giunti quasi alla fine del nostro viaggio a Oslo ed i miei appunti iniziano ad essere veramente affollati ed ingarbugliati! In attesa di rimettere tutto in ordine, vi delizio con qualche anteprima di alcuni piatti tipici norvegesi che abbiamo avuto la fortuna di assaggiare al brunch del 30 dicembre a casa della mia amica Vibeke.

20130102-234215.jpg
Iniziamo dalla meravigliosa casa in legno nella collina di Vettakollen che ci ha ospitato: una casa da cartolina con una cucina dove avrei potuto passare ore, giorni, mesi…

20130102-234421.jpg
È usanza condividere durante le feste alcuni piatti tipici, non solo il classico salmone, ma anche la trota stagionata (rakfisk) che è un cibo molto ricercato e usato nei pranzi importanti.

20130102-234858.jpg
La sua morte, in abbinamento con le Lefse (una sorta di piadina morbida fatta con patate) insieme a panna acida, cipolle e barbabietola.
Non può certamente mancare sulla tavola delle feste il re salmone, nelle sue diverse versioni (marinato o affumicato), accompagnato ad esempio, a delle uova strapazzate, così come l’aringa, qui in versione marinata in agrodolce e rigorosamente preparata in casa.

20130102-095418.jpg

20130102-235402.jpg
Il tutto andrebbe annaffiato con l’aquavit, una sorta di grappa ottenuta dalle patate, oppure con le birre speciali che vengono fatte dalle maggiori birrerie nazionali per il natale.
E per concludere in bellezza, un’ottima torta di mele, fatta in casa con una spolverata di cannella e del gelato di vaniglia, ottima davvero!

20130102-235852.jpg

Ancora un giorno e poi rifacciamo le valige…Oslo è una bellissima città, piena di fascino e di calore (nonostante le temperature vicine allo zero!). Presto tante altre ricette norvegesi per voi…stay tuned…