La Lemon cake di Magnolia Bakery

Un segno che la primavera è arrivata sono i limoni del mio giardino: sono caduti i primi frutti maturi e che soddisfazione! E’ due anni che li curiamo con amore: la giusta acqua in estate, la coperta in inverno per non farli gelare. Ed ora, ci hanno ripagato con il loro grassi frutti.
limoni giardino
Ieri ho quindi pensato di celebrarli nella maniera migliore dedicandogli una ricetta: la Lemon cake della Magnolia Bakery. Rispetto alla ricetta originale, ho fatto la mia inevitabile personalizzazione: invece della cottura in diversi dischi per ottenere una torta a strati da farcire con lemon curd o lemon buttercream, io l’ho cotta nei pirottini da cupcake e l’ho bagnata con uno sciroppo di limone. La consistenza è estremamente soffice e leggera (nonostante la dose di burro presente) ed i piccoli dolci monoporzione sono molto carini anche per una festa ber bambini, per un picnic o per un brunch.
Lemon cake
Si prepara così (questa è metà dose della ricetta originale e si ottengono circa 15 dolcetti):
225gr. di burro a temperatura ambiente
200 gr. di zucchero extra fine
2 uova intere fresche ed a temperatura ambiente
350 gr. di farina 00
150gr di latte intero a temperatura ambiente
il succo di 2 limoni
la buccia di 1 limone grattugiata finemente
1/2 bustina di lievito vainigliato
Il succo di 1 limone e 100gr di zucchero a velo per lo sciroppo

Montare bene il burro con lo zucchero (se avete un mixer o una planetaria, ne sarete certamente avvantaggiati) e quando inizierà ad essere bianco e spumoso, aggiungere una per volta le uova. Mescolare  la farina con il lievito ed unirli al composto alternandone piccole quantità con il latte ed il succo di limone. Aggiungere infine la buccia grattata. Riempite i pirottini stando attenti a lasciare almeno un dito di spazio perché lieviteranno durante la cottura. Infornare a 180°C per circa 20 minuti: quando la superficie sarà dorata saranno pronti.
impasto lemon cake
Quando ancora sono caldi versare su ciascun dolcetto un paio di cucchiaini di sciroppo che avrete ottenuto mischiando bene il succo di un limone con 100gr di zucchero a velo. Guarnite a piacere: se avete dei limoni dolci come i miei, anche una piccola fettina in superficie ci sta bene.
A casa mia, hanno subito portato una ventata di primavera!
foto3

Con questa ricetta partecipo  al contest ColorFood del blog FiordiRosmarino
banner verticale

Annunci

Pane dolce all’olio di oliva e rosmarino

Lo so, non è la stagione più adatta per i dolci al forno. Meglio quelli freschi, al cucchiaio o una bella crostata di frutta fresca. Ma ci sono dei dolci di cui non posso rinunciare, qualunque sia la stagione.

Uno di questi, ad esempio è la Lemon Cake a cui ho già dedicato un post, così come tutti i bread all’americana che mi fanno tanto “comfort food”. Facili e rapidi nella preparazione, hanno il vantaggio di conservarsi bene per alcuni giorni ed essere perfetti come colazione per più giorni. In genere, preparati senza burro, offrono anche un’alternativa più light rispetto ai dolci tradizionali. Il banana bread, ad esempio è uno dei miei preferiti, anche perchè ho spesso qualche banana nel frigorifero vicina alla sua ultima ora. Un’altro tipo, che ho scoperto da poco, è quello preparato con rosmarino e olio di oliva: è delizioso, con un gusto che mi ricorda il pan di ramerino, dolce tipico della mia città, ma reso ancora più goloso dai pezzi di cioccolato fondente.


Anche con il caldo di questi giorni, non resisto a farmene una scorta per la mia colazione in ufficio, o per concludere una lunga giornata insieme ad un fresco bicchiere di latte. E’ un dolce che “ti fa del bene”, non solo al palato: non c’è burro, solo olio, lo zucchero è quello grezzo e il cioccolato è fondente (meglio ancora se biologico) e ricco di antiossidanti. Il gusto è reso particolare dal rosmarino, pianta che potete coltivare anche sul balcone per un vero Km0!

Io lo preparo seguendo la ricetta di un blog che adoro, 101 Cookbooks

Ingredienti secchi:
150 g farina di farro bio
150 g farina 00 bio
115g zucchero grezzo
1 cucchiaino e mezzo di bicarbonato
mezzo cucchiaino di sale

Ingredienti umidi:
3 uova
240 ml olio (secondo il proprio gusto: per un aroma più deciso, usare un extravergine delicato; per un risultato più leggero, usare metà extravergine e metà semi di girasole)
180 ml latte intero

1 cucchiaio abbondante di rosmarino fresco, tritato finemente
140 g cioccolato fondente (70% cacao), tritato a mano (io uso il Biologico Vivani che trovo da Naturasi)
2 cucchiaio di zucchero grezzo per decorare la superficie

Preriscaldare il forno a 180 °C.
Nel frattempo, unire insieme in una ciotola tutti gli ingredienti secchi e lasciare riposare; in un’altra ciotola, sbattere le uova ed aggiungere a queste l’olio, il latte e il rosmarino tritato.
Con una spatola, unire gli ingredienti secchi a quelli liquidi, mescolando delicatamente fino a che non saranno amalgamati. Aggiungere 2/3 dei pezzetti di cioccolato e versare in uno stampo. Potete usare uno stampo da plumcake rivestito di carta forno, oppure un normale stampo rotondo a cerniera di ca 24cm di diametro. Completare decorando la superficie con la cioccolata rimasta e lo zucchero che servirà per caramellare.
Cuocere per 40 minuti: quando la superficie si sarà spaccata e avrà un colore bronzato, è pronto. Si serve tiepido o anche freddo e si mantiene un paio di giorni coperto in un panno di cotone.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di ricette “Voglia di cioccolato
del blog OggiPaneeSalamedomani
Banner-Raccolta-Voglia-di-Gennaio-e1358008387599

La Lemon Cake

Ho sempre trovato qualcosa di estremamente confortante nei dolci inglesi.
Sarà perchè li associo ad una tazza di tè caldo immersa in una comoda poltrona mentre fuori piove. Sarà perchè sono sempre così soffici e morbidi. Sarà perchè quando abitavo a Londra, l’idea di rifugiarmi in una fetta di cake, di qualsiasi gusto e sapore, ha sempre funzionato meglio di qualsiasi altro rimedio per superare i momenti di nostalgia di casa.
La domenica mattina, quando abitavo a Notting Hill, mi piaceva prendere l’autobus per Kensington Church St. e proseguire fino a Knightsbridge da Harvey Nichols, salire fino all’ultimo piano nel Food Market e perdermi tra quei meravigliosi vasetti di prelibatezze di ogni parte del mondo, tra i ricercati utensili da cucina e tra i preziosi libri di ricette. Prima di tornare a casa per pranzo, non potevo resistere dal prendermi una fetta di torta: un fantastico Orange Cake, un sofficissimo Lemon Cake, oppure,un ottimo Carrot Plum-Cake. E la nostalgia della domenica passava in un baleno!

Così, quando venerdì scorso ero indaffarata a preparare le valige per partire, ho pensato che avrei dovuto trovare una mezz’ora di tempo per preparare una Lemon Cake da lasciare a Ms.Ego ed a Remì per colazione.
Non sono mai stata troppo brava con le parole, mi risulta sempre molto più semplice esprimere i miei stati d’animo e sentimenti con i gesti e con i fatti. In quel momento, la Lemon Cake era un atto di amore che per me significava: devo lasciarvi, ma qui con voi ci sarà una fetta di dolce per farvi iniziare bene la giornata e farvi passare la nostalgia della mia lontananza.

Coincidenza ha voluto che qualche giorno prima avessi letto la ricetta di Afrodita, e così era giunto il momendo giusto per provarla! La ricetta è molto semplice e veloce ed il risultato ottimo: una torta soffice e ben lievitata, leggera e delicata (anche perchè avevo solo metà dose di burro, quindi ho inevitabilmente fatto una versione light!). Ecco qui la ricetta di Afrodita a cui mi sono ispirata:

320 gr. di zucchero
3 uova
la buccia grattugiata di due limoni
350 gr. di farina
1 cucchiaino e mezzo di lievito
1 cucchiaino di sale
250 ml di latte intero
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
100 gr. di burro sciolto
per lo sciroppo: il succo di un limone, 50 gr. di zucchero semolato

Riscaldate il forno a 170°. Mescolate con le fruste lo zucchero, le uova e la scorza di limone. A parte mescolate gli ingredienti secchi: farina, lievito e sale. In un pentolino, mescolate il latte e la vaniglia. Aggiungete gli ingredienti secchi e quelli liquidi al composto di uova un po’ alla volta, alternandoli. Alla fine unite il burro.
Versare in una teglia imburrata e cuocete per circa un’ora.
Per lo sciroppo: scaldare in un pentolino lo zucchero con il succo di limone. Quando la torta è ancora calda, nel suo stampo, irrorala con il liquido, fate raffreddare e sfornate.

I miei cake preferiti a Londra

Harvey Nichols, 109-125 KnigI htsbridge: impossibile resistere alle prelibatezze del reparto grocery, sia dolci che salate. La loro Lemon Cake però sarà per sempre nel mio cuore.

Harrod’s, 87-135 Brompton Road : merita una visita anche il reparto food di questo famosissimo grande magazzino Londinese. Un pò più commerciale del precedente, ma sicuramente valido.

Patisserie Valerie, 27 Kensington Church Street: sempre in zona, deliziosa pasticceria dove rifugiarsi a passare qualche ora a leggere o lavorare guardando dal vetro lo scorrere frenetico dei passanti. Ottimi dolci, ma anche deliziosi salati per un bruch domenicale.

Hummingbird Bakery, 47 Old Brompton Road South Kensington: catena di bakerey americane in varie zone di londra, tra cui anche South Kensington. Come segnalato da Afrodita, un luogo da non perdere per gli appassionati di cake e cupcake

Starbucks: siamo su un altro livello, ma cmq anche la Lemon cake di questa catena di caffè americani non è per niente male…in caso di un attacco improvviso, i loro negozi sono ad ogni angolo e può essere utile!