Fast good: dai Fratelli Cuore velocità e qualità trovano il giusto equilibrio

Quando sono in giro per viaggio, una delle cose che più odio è non poter trovare cose buone da mangiare. Tra stazioni ed aeroporti, lo spettro del “panino di gomma” è sempre in agguato! Molto spesso chi viaggia con me mi odia, perché non mi accontento mai e finisco per girare più locali finché non trovo quello che mi soddisfa. Quando si è di fretta (ovvero, per me, quasi sempre) non è possibile, bisogna accontentarsi per forza. Ma questa cosa mi fa tremendamente arrabbiare. Ed è in questi casi che un’oasi come i Fratelli Cuore è una vera salvezza. Con loro il fast food si è trasformato in fast good!
fratelli cuore
IMG_5602
Aperto da qualche settimana all’interno della Stazione di Firenze, è un approdo sicuro per uno snack al volo prima di salire in treno, oppure una cena come si deve quando si rientra tardi. Gli spazi sono quelli dietro la biglietteria, una zona prima dimenticata all’interno del complesso della stazione ma molto interessante perché affaccia sulla parte della piazza meno caotica. Per chi è in attesa del treno, è un luogo piacevole per aspettare in tranquillità gustando qualcosa di buono. A dirigere la squadra di cucina, che lavora 24 ore su 24, c’è Daniele Pescatore, già noto in città per il suo ristorante in piazza del Carmine.
IMG_5609 IMG_5606
Un menù fortemente ispirato alle sue origini partenopee ed un omaggio alla cucina italiana tradizionale, quella delle nonna e della mamma a cui sono dedicati i piatti “mamma cuore”. Classici intramontabili tra nord e sud d’Italia, come la parmigiana di melanzane, la ribollita, le lasagne e la crema di cipolle. Tutto alla griglia (a carbone) per i secondi, ed un posto d’onore per la pizza.
IMG_5608 IMG_5610 Quella soffice alla napoletana, lievitata naturalmente 60 ore, fatta con farine di qualità e cotta nel forno a legna. Oltre alle classiche margherita, marinara e alle acciughe (fresche!), ottima la pizza gatò (con provola e gatò di papate) e quella costine e friarelli. Completa il menù la scelta dei dolci, dove la firma è quella di Luca Mannori che qui porta la sua famosa torta setteveli.
Una menzione a parte lo merita la personalizzazione di tutti i packaging del locale: un lavoro attento e curato, che parla lo stesso linguaggio e trasmette gli stessi valori e che soprattutto è stato studiato per la clientela che utilizza il take-away visto che siamo in una stazione. Sono quei dettagli che a mio avviso fanno la vera differenza, come il box per la pizza, con la comoda maniglia da asporto e con il logo a colori, una vera chicca.
IMG_5601
IMG_5605
Infine, da notare l’orario di apertura extra-lungo, unico esperimento in città, se si escludono i McDonalds. Aperto 24 ore su 24, sicuramente diventerà una tappa per gli spuntini nelle notti fiorentine, dove si potrà gustare un piatto di pasta o una pizza anche a notte fonda. Magari ci fosse stato un posto così quando ero giovane e facevo l’alba per locali!
Trovate i Fratelli Cuore dentro la Stazione SMN, dietro l’atrio della biglietteria.

Annunci

Florence for Foodies: le migliori gelaterie di Firenze

Nella settimana più estiva dell’anno, celebriamo il nostro ferragosto con un post dedicato esclusivamente alle migliori gelaterie di Firenze, quelle proprio da non perdere se ancora non le conoscete e siete curiosi di assaggiare il miglior gelato in città.
image
Iniziamo dalle novità: ultima in ordine di apertura, la gelateria Marco Ottaviano Gelato Gourmet in zona S.Croce, vicino all’arco di S.Pierino. Qui Cinzia e Marco preparano un gelato partendo da un’attenta selezione delle materie prime, come le fragoline di bosco che arrivano dalla Sicilia, oppure le cialde dei coni Babbi, solo per fare qualche esempio. Il loro è un gelato molto leggero e senza artifici che nel complesso si merita la definizione gourmet che hanno scelto come nome. Accanto ai gusti tradizionali, anche diverse proposte particolari.
image
Proseguendo, poco più avanti nella bottega del Falorni, per tutta l’estate sarà possibile assaggiare tre gusti speciali realizzati dalla storica Gelateria Vivoli in abbinamento ai loro salumi e formaggi: melone e prosciutto, fichi e salame, pecorino e miele. Un’edizione limitata che vale un assaggio prima che termini l’estate.
image
Sempre in tema di edizioni speciali, l’Associazione Gelatieri Artigiani Fiorentini ha quest’anno regalato per il centenario del Comune di Forte dei Marmi una ricetta in ricordo di un dolce icona del paese, la torta ai frutti di bosco della focaccieria Pietrino: gelato di crema come base, arricchito da pezzettini di frolla e coulis di frutti di bosco delle Apuane. L’abbiamo assaggiato al Triangolo delle Bermude ed è buonissimo! Per tutta l’estate sarà disponibile al Forte presso la Gelateria Imperiale, da Ristori ed al Caffè Principe.
L’associazione ha da poco realizzato anche una versione dello zuccotto fiorentino seguendo la ricetta storica con l’Alkermes dell’Officina profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella, il pan di Spagna, la ricotta di pecora e la panna. Due le varianti disponibili con scaglie di cioccolato Amedei, oppure con frutta candita. E per settembre…pare che i maestri gelatieri abbiano in serbo altre fresche idee…

E dopo le novità passiamo in rassegna le mie gelaterie preferite in città. Premetto che si tratta di un giudizio assolutamente partigiano, segnalo i gelati che a me piacciono e sicuramente ci sono molte altre ottime gelaterie meritevoli.
Nel centro storico valgono una sosta (ma anche due o tre! ) Edoardo Bio e Carapina. Ambedue offrono un ottimo gelato semplice e leggero, preparato con materie prime selezionate, per la prima anche totalmente biologiche.
image
image
Sempre nel centro storico, famosa per le sue granite, Carabe’ è una tappa da non perdere se amate le vere granite siciliane, mentre la Gelateria Vivoli rimane un must, specialmente per i gusti alla frutta. Andando invece più verso la periferia, una delle mie preferite è Baroncini a Rifredi; il suo yogurt gelato ed il sorbetto al mango sono per me come una droga, di tanto i tanto devo andare a fare rifornimento…
image
Buon ferragosto a tutti e che sia fresco e dolce come un gelato!

Florence for foodies: i nuovi locali all’aperto da non perdere

Continua il momento particolarmente felice a Firenze per quanto riguarda le novità in campo risto-gastronomico. Siccome siamo in estate, vi consiglierò alcuni locali all’aperto a Firenze dove potrete gustare dell’ottimo cibo en plein air godendo la bellezza della nostra città.

Partiamo dalle vere novità di quest’estate fiorentina 2014: la prima menzione, è senza dubbio per la Terrazza dell’Hotel Minerva. Vince il primo premio per la sua eleganza e per il panorama senza eguali. Completamente rinnovata, con due spazi in caldo legno teak, uno con una splendida piscina vista S.Maria Novella, l’altro con vista sul Duomo e Palazzo Vecchio…comunque sia, godrete di uno spettacolo incredibile!Terrazza Minerva Hotel FirenzePanorama Minerva Hotel Firenze
Ottimi i cocktail (io ho provato un classico Spritz ed un Pimm’s), per non parlare delle tapas: piccoli raffinati assaggi di ottima qualità, ben curati e molto sfiziosi. Tra i migliori, il biscotto salato con pomodorini e la polpettina di tonno al sesamo. L’aperitivo è disponibile tutti i giorni ed include una selezione di tre tapas con ciascun drink. Vi consiglio di andarci al tramonto, non ve ne pentirete!
Pimm's Aperitivo Minerva HotelAperitivo Minerva Hotel FirenzeTapas Hotel Minerva Firenze
Passando ad altra tipologia di locale, se amate tutto quello che è green, a km0 e sostenibile, il posto per voi è ZAP, Zona Aromatica Protetta. Negli spazi del’ex-Casa della creatività, a due passi dal Duomo, nel chiostro tra piante aromatiche e orti urbani, è possibile gustare genuini snack, pranzi ed aperitivi. Il tutto accompagnato da un ricco calendario di eventi, con un menù tutto all’insegna del naturale.
ZAP Firenze
Simile come concetto, ma appena fuori dal centro in zona ponte alla Vittoria, ha da qualche mese aperto Zenzero Gastronomia, punto vendita dello storico catering Zenzero, da anni il primo bio-catering in città. Nella piccola corte ben arredata con piante e oggetti di giardinaggio, è possibile gustare i piatti che i ragazzi di Zenzero preparano a pranzo ed a cena, oppure portarseli comodamente a casa.
Zenzero Gastronomia Firenze
Altro catering, che ha da poco allargato la sua offerta a pranzi e cene privati all’aperto, è quello di Panino Tondo Catering. Dalla mente vulcanica di Samuele, nasce “Street food at Home”, ovvero l’idea di esportare il concetto dell’bbq-gourmet anche nei giardini e nelle feste private. Ottima soluzione per una festa in giardino, vi offriranno un servizio tutto compreso direttamente a destinazione. Se, invece, state organizzando un pic-nic al giardino, basta chiamare e ordinare, ed in poco tempo arriverà a destinazione, ovunque voi siate (all’interno del Comune).
Hamburger Toraia Firenze
Sempre in tema di hamburger, il chioschino della Toraia, è la vera novità dell’anno di cui tutti parlano. Questa azienda agricola della Val di Chiana, ha aperto sul lungarno Colombo un chioschino ben attrezzato con tavoli, sedie e sdraio con vista del fiume Arno. Qui si servono panini con carne chianina realizzati espressi al momento. Non solo hamburger, ma anche hotdog artigianali e panini con la braciola fritta. Nonostante le ottime recensioni che girano in città, a me non ha fatto impazzire. Ho trovato la carne molto buona ma i nostri panini erano poveri di condimento (due pomodori in croce e due foglie di rucola). Il pane è fresco e  fatto da loro (ma preferisco quello del Panino Tondo) e le patatine fritte sono di quelle “vere” e non preconfezionate. Nel complesso, un posto piacevole, che dovrò certamente provare una seconda volta, ma mi pare un pò sopravvalutato.

Non sono novità ma non posso non citarli nel post, perchè da anni ormai sono un must dell’estate fiorentina. Siamo nella zona dilà d’Arno, in una location privilegiata sulla riva del fiume dove potrete godere di un pò di fresco alla sera. Proprio sotto la torre S.Niccolò, l’Easy Living con la sua spiaggetta sull’Arno è uno dei locali meglio riusciti degli ultimi tempi. Anche se l’età media dei frequentatori è un pò troppo teen per i miei gusti, vale fermarsi per un aperitivo al tramonto con vista Ponte Vecchio.
Rari Nantes Aperitivo
Poco più avanti, uscendo dal centro, la Rari Nantes è da alcuni anni uno dei posti cult per aperitivo e brunch del fine settimana: ambiente molto hipster, cibo e drink di buona qualità ma soprattutto una vista della riva dell’Arno impareggiabile, con tanto di sedia sdraio a strisce (foto da YelpFirenze.it by FrancescoT).
Foto Rari FrancescoT
Infine, terminiamo con un dolce consiglio. Se siamo in estate, non possono mancare le migliori gelaterie a Firenze. Partiamo dai classici che non tramontano mai, che per me sono tre: Carapina, Gelateria dei Medici e Edoardo.
Tra le novità, invece, segnalo Eataly Gelato. Situato all’ingresso del negozio, offre un gelato che trovo molto buono e fatto con ottimi ingredienti. Pochi gusti, per lo più classici, ma anche solo il fior di latte merita un assaggio.
Fresca di nuova apertura invece, è la gelateria gourmet Marco Ottaviano. Progetto molto ambizioso che si propone come l’unico gelato gourmet a Firenze…lo testerò quanto prima, per cui ve lo segnalo solamente come novità. Anzi, se avete occasione di provarlo, faremi sapere. Il negozio è in zona S.Croce, vicino all’arco di S.Pierino, proprio di fronte al Falorni.

E se questo non vi basta…non temete, preso in arrivo un altro post sulle altre novità in città…al chiuso, anche per quando piove. Enjoy the summer in Florence!